Il rapporto tra cane e bambino è fondato sul rispetto reciproco.

 rapporto cane-bambino

Il binomio  cane-bambino è educativo e sicuramente molto più istruttivo di molti giochi.

Un cane nell’ infanzia di un bambino gioca un ruolo molto importante. Proprio per questo viene impiegato, il cane, con risultati sorprendenti, nella Pet Therapy, per aiutare la socializzazione di bambini in difficoltà.

Il cane può essere un ottimo compagno di giochi ed un ottimo insegnante di vita, può far capire al bambino che un essere vivente è diverso da un peluche e che necessita il suo rispetto.

E’ importante però costruire il rapporto tra cane e  bambino fin da subito nel modo giusto, perché l’ educazione e la conoscenza portano sempre ad una corretta convivenza con Fido.

Per fare ciò è necessario che i genitori non riversino sui propri figli le proprie paure, ma, al contrario, aiutino il bambino ad interagire correttamente con il cane.

Il cucciolo vedrà il bimbo come un altro cucciolo e quindi non sussisterà alcun problema perché saranno perfetti fratelli di gioco.

Se si tratta invece di un cane adulto le cose cambiano e lo fanno anche in base al sesso dell’ animale.

Un maschio potrebbe percepire il bambino come un “cucciolo-figlio”, mentre la  femmina potrebbe individuare nel bambino il cucciolo di un’ altra femmina e non si sentirà autorizzata ad occuparsene; oppure potrebbe vederlo come un oggetto misterioso, che valuterà a seconda del suo comportamento.

Il genitore dovrebbe sempre evitare di gridare o fare gesti bruschi nel momento in cui vede il suo bambino andare verso un cane sconosciuto: questo atteggiamento potrebbe spaventare sia il bambino che l’ animale inducendo quest’ ultimo a credere che il bimbo sia un pericolo per lui.

Evitare di riferirsi ai bambini con frasi del tipo “non lo toccare che ti morde…” o “non lo toccare che ti attacca le pulci…”. Queste frasi, oltre che spaventare in modo eccessivo il bambino, sono anche prive di fondamento, perché difficilmente un cane morde senza preavviso e le pulci preferiscono stare sui cani, perché il sangue dell’ uomo è meno appetibile.

E’, però, molto importante insegnare al bambino a non correre o strillare in presenza di un cane sconosciuto, spiegandogli che in quel modo stimolerebbe nell’ animale l’ autodifesa e l’ istinto alla predazione.

Il bambino dovrebbe avvicinarsi al cane sempre in modo graduale e lento, senza urlare, accarezzandolo sul corpo e non sulla testa.

Può essere di aiuto descrivere al bambino tutti i segali di preavviso di aggressività come pelo ritto, ringhio, orecchie indietro o denti scoperti e spiegargli che quello è il suo modo per dire che vuole essere lasciato in pace e che, quindi, va rispettato.

Non costringete mai vostro figlio a toccare un cane se lui non lo vuole:  la paura degli animali si porta  dietro per tutta la vita e quindi è fondamentale aiutare il bimbo a non avere timori e a capire che le reazioni dei cani sono dovute ai nostri errori. Portargli via del cibo o un gioco può scatenare nel cane una reazione aggressiva.

Comprese queste regole fondamentali, il bambino sarà equilibrato e felice di incontrare, giocare o convivere con un cane, perché avrà imparato a rispettarlo, e il cane farà lo stesso con lui.


CANI

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Il cane Viverrino, quello strano parente di Fido. | Cani e Gatti on line

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: