Burmese

razze feline gatto BurmeseGatto Burmese primo piano

Le prime notizie del Burmese risalgono al 1930, quando una gatta marrone chiaro venne importata negli Stati Uniti da Rangon, capitale della Birmania.

Dopo vari accoppiamenti con il Siamese, i cuccioli tra loro, e la madre con i cuccioli, ci si rese conto che il colore di questa gatta produceva geneticamente tre tipologie di mantello: siamese, identico al suo, un caldo colore marrone scuro.

Quest’ ultimo assunse il nome della razza: il Burmese.

Il CFA riconobbe ufficialmente la razza nel 1936, ma nel 1947 ne sospese ogni riconoscimento sostenendo la necessità che i soggetti puri avessero nei geni almeno tre generazioni di Burmesi senza alcun ibridamento Siamese o Tonkinese (gatto più scuro del siamese e più chiaro del burmese).

Nel 1953 il Burmese fu riaccettato come razza ufficiale, ma solo nel colore marrone scuro originario, chiamato zibellino.

L’ unico accoppiamento permesso con questa razza è con il gatto Bombay.

In Europa i colori attualmente ammessi sono il marrone scuro, il rosso, il crema e tutte le sfumature delle squame di tartaruga.

Esistono due tipologie di Burmese, quello americano più robusto, potente e muscoloso con il muso corto e lo stop marcato, e quello inglese più slanciato ed elegante con la testa triangolare dagli angoli smussati e le palpebre superiori oblique.

Il Burmese (sia inglese che americano) ha un bellissimo mantello fine liscio e lucido come seta. Per mantenerlo in tali condizioni è necessario lisciargli il pelo con una pelle di daino inumidita due volte alla settimana, e seguire una alimentazione particolare.

Caratteristiche della razza:

  • Gli occhi sono rotondi di colore intenso e brillante;
  • Le orecchie sono aperte alla base con la punta arrotondata;
  • Il mantello è fine e lucido, molto aderente al corpo;
  • Il corpo è di media grandezza e muscoloso;
  • Le zampe sono di ossatura media e ben proporzionate al corpo;
  • La coda è di una lunghezza media.

Il suo carattere ha molti punti in comune con il Siamese: vigile, attento, sveglio e intelligente, ma rispetto al suo cugino è più socievole e disponibile con gli estranei.

E’ un gatto molto affettuoso che detesta rimanere da solo, al punto che è disposto a seguire il suo padrone ovunque.

Per questo motivo mal si adatta a chi trascorre molte ore fuori casa e ama il gatto indipendente.

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Quando micio non riesce a fare la pipì… | Cani e Gatti on line
  2. Trackback: Razze feline: il British Bombay. | Cani e Gatti on line

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: