Condannato a morte perché somigliante ad un Pitbull.

Lennox , il cane che sembra un pitbull, starebbe per essere soppresso dalle autorità britanniche perchè troppo somigliante a un pitbull

“Ciò che fortunatamente nessuno osa più sostenere per gli uomini, teorie lombrosiane secondo cui i criminali si riconoscono da alcuni tratti del cranio, per i cani è purtroppo ancora valido, in un Paese civile come il Regno Unito. Ma noi ci opporremo”, queste le parole di sgomento dell’ ex ministro Vittoria Brembilla, che si esprime sulla incredibile vicenda che dal 2010 coinvolge la famiglia adottiva di Lennox, in una battaglia, che  ora sta per volgere al termine, ma non con un lieto fine.

Il povero cane meticcio di sette anni di cui stiamo parlando, Lennox appunto, è stato strappato via dai suoi affetti e dalla sua casa nel 2010 e rinchiuso in un posto sconosciuto, di cui non sono stati informati neanche i proprietari, solamente perchè di aspetto somigliante ad un Pitbull, razza considerata pericolosa dalla legislazione del Regno Unito.

Da allora è iniziata la lunga battaglia legale tra la famiglia adottiva del cane e le istituzioni, che, nello scorso 12 Giugno, si è conclusa in Corte d’ Appello, dove la Giuria predisposta ha stabilito la condanna a morte di Lennox, che potrebbe essere eseguita già in questi giorni.

La Protezione Animali italiana si è subito mossa al fine di evitare questa ingiusta condanna, che rappresenta una grave violazione dei diritti degli animali, intervenendo con l’ ambasciatore del Regno Unito in Italia, con il Primo ministro dell’ Irlanda del Nord, e, addirittura, chiedendo clemenza alla Regina Elisabetta II.

La soluzione potrebbe essere quella di accogliere lo sventurato animale nel territorio Italiano e fare in modo che le Associazioni di Volontariato possano prendersi cura di lui.

Le associazioni animaliste invitano tutti gli italiani a contattare via mail l’ambasciata britannica in Italia (InfoRome@fco.gov.uk) per chiedere che Lennox sia risparmiato. Un appello è partito anche dal mondo della musica e dello spettacolo durante il concerto Monza for Animals che  molti  artisti hanno accettato di tenere a sostegno degli animali.

Vittoria Brembilla, Presidente della Leidaa (Lega Italiana per la Difesa degli Animali), aggiunge: “questa storia incredibile mostra a quali paradossi può arrivare una normativa fondata sulla “presunzione di aggressività e colpevolezza” per alcune razze canine “.

Continuiamo a sperare che si possa trovare un giusto compromesso per tirare fuori il povero Lennox dal “braccio della morte”, magari con il contributo di tutti!

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Adotta un Cane
    Lug 12, 2012 @ 19:49:54

    :((((

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: