Vestire il proprio cane, si o no?

maglionc

Per affrontare questo argomento è d’ obbligo fare una importante premessa: ci sono due grandi scuole di pensiero a riguardo, che dividono le persone in quelle che affermano “il cane è cane e deve vivere da cane a tutti gli effetti”, e quelle che, al contrario, pensano che il proprio cane  debba essere considerato alla stessa stregua di un essere umano, o ancor più di un bambino.

Beh, a parer mio, e per fortuna non sono la sola a pensarlo, entrambe sono due visioni piuttosto estremiste e, allo stesso tempo limitate, della questione: ovviamente è sempre necessario fare dei distinguo a seconda dei casi. Io personalmente prediligo sempre la via di mezzo, perché penso che la verità non sia un valore assoluto.

Nella fattispecie, ossia se vestire il proprio cane oppure no, esistono diversi motivi per cui mi trovo favorevole a far indossare degli abiti “pratici e confortevoli” ai miei compagni di vita, e sempre più spesso mi guardo intorno e vedo che anche gli altri lo sono.

In natura gli animali nascono e crescono adattandosi perfettamente alle condizioni climatiche dell’ ambiente in cui si trovano, in caso contrario le loro chance di sopravvivenza si ridurrebbero considerevolmente.

La principale funzione del pelo dei cani, e di qualsiasi altra specie animale, è proprio quella di proteggere la loro pelle e il loro fisico dagli attacchi esterni, siano essi rappresentati da batteri e insetti, che dagli agenti atmosferici, in quest’ ultimo caso, isolando il corpo da temperature troppo alte oppure troppo basse.

A dimostrazione di ciò esistono tra le varie razze, cani che dispongono di uno strato di sottopelo più spesso, perchè si sono adattati, nella loro evoluzione, a temperature più rigide, a dispetto di altri, che vivendo in ambienti meno freddi, sono dotati di un pelo meno folto.

Ma se, come avviene al giorno d’ oggi, l’ animale nasce e cresce, in un ambiente domestico, ad una temperatura costantemente modificata rispetto a quella esterna, allora l’ abbigliamento assume, per esso, una importanza maggiore, come lo è per noi.

I repentini sbalzi di temperatura, infatti, espongono il nostro amico a 4 zampe, a problemi fisici e “malanni”, soprattutto se si tratta di un cucciolo, un cane “vecchietto“, oppure un soggetto debilitato da patologie in corso.

Un altro aspetto pratico dell’ abbigliamento per cani è rappresentato dal fatto che, in caso di pioggia, il suo pelo eviterà di inzupparsi completamente e quando rientreremo in casa, e il nostro amico si “sgrullerà”, perchè di sicuro si sgrullerà, i nostri mobili e i nostri muri ci ringrazieranno per il minore quantitativo di acqua sporca ricevuto. Non vi sembra questo un buon motivo?

Quindi, secondo me, la soluzione ideale è quella di avere a disposizione un paio di abiti, almeno un maglioncino di lana e un cappottino antipioggia, di modo che la nostra passeggiata in inverno possa essere piacevole anche quando le temperature scendono di molto. Ricordiamoci di proteggere anche le zampe del cane nel caso in cui si voglia affrontare una bella camminata in mezzo alla neve, che a Fido piace tanto!

L’ abbigliamento per i nostri fedeli amici non è solo una questione di moda, ma una necessità di adattamento alla nuova posizione sociale che esso ricopre, in fondo anche noi esseri umani non adoperavamo abiti nella “Era Preistorica”, ma poi le cose sono cambiate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: